LIBERATE LA RAI DAGLI INTERESSI PRIVATI

SECCHIO

 

La dirigenza RAI a volte sembra il bulletto prepotente della scuola, quello che ti ruba la merenda e ti riempie di botte se ti ribelli.
Viale Mazzini non ci ha mai fornito una risposta logica e trasparente ad una ed una sola nostra domanda sugli “innominabili” SPRECHI. Infatti dopo il nostro ultimo comunicato sull’utilizzo sconsiderato di scenografi esterni- INTRAPPOLATI DALLA RETE- (http://www.indignerai.it/intrappolati-dalla-rete/), invece di risponderci come farebbe un’azienda sana e TRASPARENTE, preferisce spintonarci come il peggiore dei bulletti di scuola assegnando la scena e la regia del programma ISTITUZIONALE sulla liberazione che andrà in onda su RAI UNO i prima serata a due professionisti esterni. Stessa dinamica pare anche per la realizzazione della scenografia del PREMIO DAVID DI DONATELLO 2015.

Dopo il danno la beffa, tutto quello che finisce dentro la RETE UNO sembra precipitare in un BUCO NERO dove la gestione della cosa pubblica diventa una “COSA PRIVATA”, senza job posting, in regime di DEROGA continuo e in pieno disprezzo del ccnl firmato da sindacati (o quel che ne rimane) e dall’azienda. Una sorta di imperscrutabile “cerchio magico” dove niente e nessuno può sindacare, nemmeno la COMMISSIONE DI VIGILANZA.
Chiediamo ancora una volta dei chiarimenti rispetto a questo ennesimo squalificante atteggiamento aziendale nei confronti dei lavoratori RAI. Riteniamo che il comportamento dei vertici RAI sia in palese violazione del CODICE ETICO, in particolare nei punti 2.7, 2.9, 2.10, 2.1 e 7.1, da loro stessi redatto.

NEL GIORNO DELLA LIBERAZIONE LIBERIAMO LA RAI DA OGNI MALCOSTUME NEL RISPETTO DEI CITTADINI, DELLE LAVORATRICI E LAVORATORI DELLA RAI.

MOVIMENTO INDIGNERAI.

 

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *