Lettera aperta al DG Mario Orfeo- Valorizzare quali talenti?-

fazioorfeo

Egregio Direttore, le risparmiamo i soliti convenevoli essendo lei un nostro collega da lunga data.
La ringraziamo per la sua lettera rivolta ai dipendenti in cui evidenzia il VALORE DEI TALENTI interni. Ci chiediamo però se per talenti intende solo indicare i numerosi personaggi con retribuzioni sopra i 240.000 euro oppure anche quelli che ogni giorno consentono alla RAI di andare in onda e rimanere la prima azienda radiotelevisiva del paese nonostante abbiano un contratto scaduto da quasi quattro anni ?
Come sa il testo di convenzione appena firmato la obbliga al pieno utilizzo delle risorse interne cosi come anche il recepimento del d.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 che detta una chiara responsabilità amministrativa.
Purtroppo, caro Direttore e collega, la sua gestione comincia con un passo falso in quanto la REGIA della presentazione dei palinsesti RAI, andata in onda esclusivamente su circuito intranet, è stata affidata ad un regista esterno. Ci chiediamo secondo quale criterio è stata effettuata questa scelta. Era davvero necessario? E’ stata fatta una ricognizione delle risorse interne come prescritto dalle direttive ANAC? Quanto è costato alle casse del Servizio Pubblico?

Il 4 luglio a Roma ci sarà un’ulteriore presentazione dei palinsesti, a quale TALENTO deciderà di affidare la regia dell’evento? Al solito e costoso regista esterno? Anche lei vuole agire in piena violazione del testo di convenzione , della legge 231 e del codice etico?
Qual’è il suo mandato, dove vuole/deve condurre quest’azienda?

Il CDA si accorge nel caso Fazio dell’esistenza del danno erariale, bene! Quanto danno erariale vorrà produrre la sua gestione decidendo di utilizzare il personale esterno e tenendo fermi i TALENTI INTERNI che non vedono l’ora di mostrare la loro indubbia capacità?

La pressione delle costosissime società di produzione e manager dei vip, tutelate da tutte le precedenti gestioni RAI, per consegnare il pacchetto chiuso è enorme: Direttore lei è in grado e ha la volontà di opporsi a tale pressione tutelando le risorse interne e il loro valore professionale e aziendale?

Egregio DG Orfeo lei è in grado di fare la differenza o vuole continuare, come i suoi predecessori, a fare la raccolta differenziata di “talenti esterni” ?

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *