Iscriviti all’associazione RAI BENE COMUNE

Il Movimento INDIGNERAI compie nel 2015 il quarto anno di attività. Nato da un moto di indignazione spontaneo di alcuni dipendenti Rai per lo squallore in cui versava la Rai e il Servizio pubblico. Quattro anni di attività ci hanno reso un movimento autorevole, conosciuto, riconosciuto e rispettato da molti. Ciò nonostante la situazione dell’azienda è oltremodo peggiorata. Quest’anno sarà a nostro avviso un anno di svolta, un anno che con grossa probabilità vedrà una riforma della mission, della governance e del finanziamento del Servizio Pubblico. Come da nostra tradizione non vogliamo farci cogliere impreparati a questo appuntamento e per questo abbiamo deciso di dare forma e sostanza alla nostra attività costituendoci ufficialmente in associazione. Vogliamo essere un luogo dove far convergere i grandi temi del Servizio Pubblico e la difesa della RAI che lo realizza, vogliamo essere un luogo di trasparenza, di denuncia e di proposta per tutti i cittadini e dipendenti, senza bandiere politiche e sindacali. Lo statuto di cui ci siamo dotati raccoglie in se obbiettivi e modalità per conseguirle i nobili scopi che vogliamo realizzare.
Invitiamo tutti voi ad aderire numerosi all’associazione per incidere sul destino del Servizio Pubblico, della Rai e del nostro Lavoro.
RAI BENE COMUNE è il nostro credo e con il vostro sostegno sarà anche il nostro traguardo.

MOVIMENTO RAI BENE COMUNE -INDIGNERAI-

STATUTO ASSOCIAZIONE RAI BENE COMUNE –IndigneRAI-

Art. 1.
– L’associazione RAI BENE COMUNE- IndigneRAI è una libera Associazione, apartitica e indipendente costituita da cittadini e lavoratori RAI che persegue i principi di cui all’articolo seguente.

Art. 2.
– Il diritto di ogni cittadino all’accesso alla cultura, all’intrattenimento, e alla libera informazione tramite il Servizio Pubblico che divulga mediante una piattaforma multimediale i suoi contenuti secondo i principi stabiliti nell’art. 21 della Costituzione.
– Il riconoscimento della società Rai come unico soggetto preposto alla realizzazione del Servizio Pubblico, per competenza e conservazione della memoria storica del Paese, attraverso patrimonio di archivio ed esperienza nel settore.
– La riforma della Rai in una azienda certificata, efficiente, trasparente e eticamente corretta con i cittadini ed i dipendenti.
– La Liberazione del Servizio Pubblico da condizionamenti politici per trasformarlo da lottizzato a pluralista.
– Il riconoscimento della centralità del prodotto realizzato internamente e della qualità che lo deve contraddistinguere.

Art.3
-L’associazione RAI BENE COMUNE- IndigneRAI-, per il raggiungimento dei suoi fini, intende promuovere varie attività e in particolare:

– Promuove ogni azione e iniziativa volta a garantire il rinnovo della concessione del contratto di servizio per l’anno 2016 e successivi.
-Promuove una riforma che preveda la vigilanza dell’azienda da parte degli utenti, dei dipendenti, e della società civile, sulla base dell’articolo 43 e 46 della Costituzione Italiana e ispirandosi a modelli europei che impediscano l’ingerenza preponderante dei partiti e degli interessi privati.
-Sostiene tutti i movimenti, associazioni e organizzazioni che promuovono una riforma condivisa della governance RAI.
– Svolge un attento controllo sull’operato della dirigenza RAI ai fini di verificarne la trasparenza e capacità di gestione.
-Collabora insieme ad altre associazioni con l’amministrazione RAI e con la Presidenza ANTICORRUZIONE al fine di eliminare ogni forma di mafia e corruttela nell’ambito dell’amministrazione pubblica di RAI S.P.A
-Informa e si confronta con cittadini e lavoratori Rai principalmente attraverso la pagina del gruppo Facebook, sito internet e con qualsiasi altro strumento di comunicazione disponibile.
-Promuove la comunicazione delle attività dell’associazione su giornali, tv e social network.
– Promuove, per quanto previsto dall’art. 43 e 46 della Costituzione Italiana, il diritto dei lavoratori a collaborare alla gestione della Rai.
– Vigila sull’applicazione del codice etico RAI e sull’attività dei sindacati a tutela dell’interesse generale dei lavoratori dell’azienda.
-Individua e denuncia sprechi di risorse pubbliche destinate all’azienda, il ricorso ingiustificato ad appalti e lavori in outsourcing.
– Sostiene la formazione professionale quale mezzo per rendere qualitativamente eccellente il prodotto ed efficiente l’utilizzo del personale, anche in termini organizzativi
– Collabora con i sindacati e le associazioni che sapranno condividere percorsi e obiettivi.
-L’associazione è aperta a tutti coloro i quali aderiscano ai principi dello statuto, dunque agli scopi di cittadinanza attiva in difesa del BENE COMUNE.
-L’associazione esprime le proprie opinioni, pensieri, idee e proposte nel pieno rispetto dell’articolo 21 della Costituzione Italiana e dell’art. 1 dello Statuto dei Lavoratori.

Art. 4 Regolamento interno del Coordinamento

Vengono definiti tre gradi di appartenenza al Movimento:

1 SIMPATIZZANTE: Partecipa al confronto sui temi inerenti al Movimento.
2 ATTIVISTA: collabora fattivamente alle attività del Movimento (volantinaggio, proposta progetti, adesione e promozione di azioni di protesta, flash mob, presidi, sciopero, etc)
I simpatizzanti ed attivisti sono liberi di esprimere, su Facebook e sito web, qualsiasi opinione, nell’ambito del rispetto della legalità e di un linguaggio esente da insulti/offese a terzi
3 COORDINATORE: Il Coordinamento Indignerai è costituito dai soci fondatori. Eventuali altri partecipanti possono essere inseriti fino ad un massimo di n. 20 componenti complessivi. I membri
partecipano al coordinamento delle attività del gruppo, se ne fanno promotori o garanti, le approvano o respingono, seguendo i principi fondanti del gruppo. Vengono ammessi/espulsi a maggioranza dal coordinamento stesso.

L’iscrizione all’associazione RAI BENE COMUNE- IndigneRAI- è gratuita.

Iscrizione associazione RAI BENE COMUNE

Fields marked with an * are required