FINE DELLE TRASMISSIONI?

FINETX

FINE DELLE TRASMISSIONI ?

È questione di giorni e la riforma della RAI sarà approvata e con essa la modifica della riscossione del canone. La legge è chiara e sfila la RAI dalle mani dei partiti per porla tra le grinfie del Governo. Dalla padella alla brace con l’imposizione di una tassa pasticciata che NON garantisce INDIPENDENZA ECONOMICA, nascosta tra le voci della bolletta elettrica. Non un articolo per ricondurre l’azienda alla qualità e alla trasparenza ma deroghe ai faraonici stipendi dei dirigenti e agli inutili appalti e l’affidamento dell’azienda ad un uomo solo dai super poteri. Come singoli lavoratori siamo testimoni della Babele aziendale ma il “Codice etico (del silenzio)” ci impone di guardare LO SFASCIO AZIENDALE senza fiatare.

Dalla stampa però giungono in continuamente notizie preoccupanti sulla RAI. Magistrati che indagano, la RAI che occulta, imprenditori che sguazzano, la finanza perquisisce, i cittadini che odiano, i giornalisti parteggiano, i dirigenti affossano, e i lavoratori onesti subiscono.

Non si direbbe si stia parlando di quella azienda che alcuni anni fa veniva associata al concetto di mamma. La RAI MAMMA non lo è da molto, una mamma dà ed in cambio chiede solo amore mentre la RAI dopo aver chiesto il canone invece di usarlo per produrre contenuti da restituire al suo pubblico lo distribuisce con mille pretesti ad altrettante aziende. Con questa riforma che ignora le vere criticità, il treno della RAI corre a tutta velocità verso L’ULTIMA STAZIONE dove i lavoratori e i cittadini dovranno definitivamente rinunciare ad un BENE COMUNE.

Noi non ci stiamo e diciamo: Ora o mai più. Prima che sia troppo tardi chiediamo a tutti i sindacati RAI di far sentire forte la loro voce insieme a noi, di rappresentare prima degli interessi dei lavoratori quelli dei cittadini, dobbiamo far ASCOLTARE BENE tutte le perplessità che questa Riforma raffazzonata sta suscitando e della norma truffa del CANONE. Chiediamo ai sindacati di farsi portavoce presso il Ministero mediante una manifestazione da organizzare insieme per chiedere una vera Riforma che metta al centro il prodotto ed il pubblico che ne fruisce, che a fronte di finanziamenti certi garantisca qualità, efficienza e trasparenza. È giunto il momento di unire le forze per fare la cosa giusta:

EVITIAMO LA FINE DELLE TRASMISSIONI

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *