DOMENICA IN…DIETRO TUTTA!

12-2-1988 dietro le quinte di indietro tutta nino frassixa e renzo arbore

12-2-1988 dietro le quinte di indietro tutta nino Frassica e Renzo arbore

Come è invecchiata male Domenica In, inventata e condotta da Corrado Mantoni per tre edizioni si ritrova dopo quarantuno anni ad essere guidata male dalle sorelle Parodi per volere di bizzarre amministrazioni RAI, poco propense alla qualità e al servizio pubblico. Dell’ eleganza della Domenica In di una volta è rimasto solo il nero televisivo a conclusione della trasmissione dopo il rullo di coda. Il resto è solo una penosa occupazione di palinsesto precedentemente impegnato da Giletti con notevole successo di pubblico e di critica.

Eppure ci hanno provato a migliorare il contenitore: hanno investito 100.000 euro di rifacimento scena, hanno cacciato via un Direttore della Fotografia, hanno messo una badante al costo di alcune migliaia di euro a puntata al designato regista RAI senza però avere nemmeno uno straccio di pubblico in più!

Nemmeno il teleutente insonnolito, dopo la pasta al forno domenicale, si fermato su RAI UNO, infatti, prima di esalare l’ultimo momento di lucidità postprandiale, ha avuto la forza di cambiare canale e abbandonarsi tra le braccia di Morfeo con le faccine lacrimose della Barbarella D’urso su Canale Cinque.

A nessuno dei vertici RAI è mai passato per l’anticamera del cervello che il problema fosse invece il misero contenuto autorale.. Niente di più lontano dai canoni della sobria Domenica In di Corrado o di Pippo Baudo, non ce la fanno ad osare! Non ce la fanno i vertici RAI a rispettare il pubblico e dare dignità al contratto di servizio durante la domenica, devono per forza abbassarsi al letamaio mediatico di Mediaset, ma non si accorgono che non sanno produrlo insistendo così nei loro costosissimi errori.

Se ci trovassimo a governare la RAI cosa faremmo per restituire valore sociale alla domenica catodica? Daremmo una trasmissione ad Arbore e Frassica, per esempio, una Domenica In…dietro tutta! Si, la chiameremmo così! Siamo certi che si riscuoterebbe un successo di pubblico notevole. Del resto la TV sappiamo farla; cominciamo a dare spazio ad autori e genialità interne, lasciando a casa gli stanchi autori esterni che orbitano intorno al denaro pubblico e a schemi commerciali.
Liberiamo le menti, sviluppiamo le idee, facciamo correre i cavalli di razza presenti in azienda.
Per una volta dateci retta cari DG e CDA, sospendente la Domenica In delle sorelle Parodi e lasciate spazio ai maestri e alla genialità!

La RAI deve educare, intrattenere e divertire anche e sopratutto la DOMENICA!

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *