Concerto del primo maggio: ancora un regista esterno?

Giungono voci che anche quest’anno la regia del Concerto del 1° maggio (organizzato da Cgil, Cisl e Uil) sarebbe affidata ad un collaboratore esterno. Senza nulla togliere alla professionalità della persona, abbiamo un contratto da rispettare, che prevede il pieno utilizzo delle risorse interne.
In Rai potremmo fare nomi e cognomi di registi disponibili e perfettamente in grado di svolgere quel ruolo.
Possibile l’azienda ignori queste disponibilità?
I tempi ci sono! 
Chiediamo, e lo stabilisce il contratto, rispetto per le regole e valorizzazione delle nostre risorse.
Ultimo e non meno importante, queste scelte reiterate e ingiustificate espongono al rischio di incorrere in un evidente danno erariale.
Tutto questo si può e si deve evitare.
Diamo seguito concreto ai tanti proclami di cambiamento. Basta volerlo!

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *