CON IL “REGISTA BADANTE SUGGERITORE”… SI FINISCE IN BUCA

badante

Le strutture di rete non perdono mai l’occasione per ribadire un concetto: 
non si fidano affatto delle professionalità #Rai. La diffidenza nei confronti dei registi e degli scenografi interni è evidente.

Le raccomandazioni di ANAC e Convenzione STATO RAI per l’impiego di personale interno sono ogni giorno che i trasmettitori mettono in onda ampiamente disattese. 
Le reti forse ritengono di avere una dispensa divina che li pone al di sopra delle leggi, una sorta di licenza artistico-amministrativa?

Per il secondo anno consecutivo Rai 1 e tutto il cucuzzaro ha imposto alla regista RAI Sabrina Busiello, che da diverso tempo cura la regia del programma di RAI UNO l’Eredità confezionando un prodotto con ottimi ascolti, un “BADANTE SUGGERITORE”, ossia un regista esterno per suggerirle come svolgere il suo lavoro.

Diverse migliaia di euro degli italiani per suggerire non si sa cosa visto che il regista BADANTE SUGGERITORE non ha mai fatto un game show, né tanto meno una puntata dell’Eredità.

Ovviamente non ce la prendiamo con il fortunato percettore di cotante ricchezze, perché si tratta solo di un persona che accetta quanto gli viene generosamente offerto. Ce la prendiamo con chi, evidentemente consapevole di non sborsare di tasca propria, scialacqua denari pubblici senza rispettare quanto imposto dalle normative.

Cantava Battiato:
“si credono potenti e gli va bene quello che fanno;
e tutto gli appartiene…”

Ma noi di Indignerai facciamo televisione e non siamo tenuti a rispettare la tradizione teatrale che vede “suggeritori ingobbiti” nella buca del palcoscenico.

Questa volta in “buca” manderemo chi manca di rispetto ai cittadini che vengono tassati per ricevere un Pubblico Servizio. Cittadini che hanno il diritto di vedere spesi i propri soldi in maniera oculata. 
Questa volta saranno i responsabili di tali insensate scelte ad andare in “buca”, denunceremo all’Anac questo ed ogni simile deplorevole atto.

You may also like...

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *