ADOTTA UN REGISTA CON SOLDI PUBBLICI E DAGLI UN LAVORO…

PAPERONE

RAI PER IL SOCIALE CAMPAGNA:
ADOTTA UN REGISTA
E DAGLI UN LAVORO
CHE VALE UN TESORO

Lavori in RAI ? Chissà quanto guadagni ? Fai il Cameraman ? Sono domande che chi lavora in RAI si è sentito fare decine di volte. Puntualmente il lavoratore risponde: No, non faccio in cameraman ed il mio stipendio è quello di un normale lavoratore dipendente. Sono in molti a non sapere che la TV non la fanno soltanto i cameraman. Servono tecnici, operai, microfonisti, parrucchieri costumisti, sarti, ed una infinità di addetti con mansioni diverse. La RAI negli anni si è dotata di tutte le professionalità necessarie redistribuendole secondo la prestazione effettuata. Grazie al sacrificio dei suoi dipendenti la RAI ha superato indenne la crisi che ha colpito il paese e per questo forse ha sviluppato una particolare sensibilità per le realtà che maggiormente sono state messe in ginocchio. Proprio nei giorni in cui si appresta a chiedere agli italiani il sacrificio del pagamento del canone nelle bollette elettriche la RAI ha deciso di avviare quella che sembra una vera e propria campagna sociale o forse una ricca lotteria. Si tratta di stipulare dei faraonici contratti, con alcuni professionisti e non, che saranno chiamati in RAI a fare i registi. Ovviamente la RAI ha già tra i suoi dipendenti tutti i registi necessari, perfettamente all’altezza di realizzare le trasmissioni e pagati con dei normalissimi stipendi ma il desiderio di fare del “bene” non le permette di resistere alla tentazione. Non è necessario candidarsi per essere destinatari della campagna poiché provvederà la stessa RAI ad individuare quei profili che sapranno dare le garanzie necessarie. Gli unici in grado di rappresentare un problema per questa ricca lotteria sono quei dipendenti RAI che si ostinano a voler fare i registi solo perché la RAI li ha assunti e li paga per questo.

L’associazione RAI bene comune poco avvezza alle lotterie di questo tipo e nel rispetto dei cittadini che vedranno cosi sperperati i soldi del canone ha deciso di denunciare tale malcostume in tutte le sedi e con tutti i soggetti che avranno il senso civico necessario. Pertanto chiediamo ai colleghi di supportarci in questa azione ricordando loro che sono queste le cause che sottraggono alla RAI le risorse per rinnovare il contratto scaduto da 30 mesi o il premio di risultato che non viene pagato da anni.

Chiediamo ai sindacati di attivarsi immediatamente ed unitariamente per contrastare queste pratiche con tutta la forza necessaria.

Chiediamo alla Dirigenza RAI di archiviare queste deprecabili pratiche.

Chiediamo all’audit interno di indagare con tutti i mezzi possibili in merito a questi contratti.
Chiediamo alla commissione parlamentare di vigilanza di convocare urgentemente i vertici aziendali per chiedere spiegazioni in merito.

Chiediamo ad associazioni della società civile di denunciare tali comportamenti.

Chiediamo alla stampa di raccontare gli sprechi RAI.

L’associazione RAI Bene Comune-Indignerai sta raccogliendo gli elementi per effettuare un esposto alla Procura della Repubblica competente, siete tutti pregati di segnalare, aderire e supportare scrivendo al seguente indirizzo: indignerai@gmail.com

You may also like...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *